Recapitabilità nei primi 30 giorni

Marketing_Lite_Plus_Professional_Enterprise

Passare a un nuovo provider di email è come cambiare il tuo nome di dominio e perdere le tue classifiche su Google per la SEO. Succede solo a volte, ma potresti vedere un calo della deliverability. Ci sono azioni che puoi intraprendere per semplificare questa transizione con reindirizzamenti di link, ma la reputazione che avevi stabilito in precedenza con il tuo vecchio nome di dominio dovrà essere ricostruita.

Seguendo i suggerimenti dell'articolo, sarai in grado di ristabilire la tua reputazione di mittente e il tuo coinvolgimento dovrebbe tornare rapidamente alla normalità. La maggior parte delle aziende nota che, seguendo i passaggi indicati questa guida, con ActiveCampaign la loro reputabilità raggiunge buoni livelli o addirittura migliori.

Che cosa aspettarsi


È naturale assistere a un calo temporaneo della deliverability, che può portare a tassi di apertura più bassi. Questo avviene perché i nuovi mittenti non possono ancora essere considerati attendibili e quindi è più probabile che alcuni messaggi finiscano nella cartella dello spam. Questo si verifica quando si passa a qualsiasi provider email.

Dovresti aspettarti di vedere tassi di apertura diversi da quelli che guadagnavi con il tuo precedente fornitore. Ci vorranno almeno 30 giorni di invii regolare perché le tue statistiche di coinvolgimento, ad esempio di apertura e di clic, tornino ai livelli precedenti -- talvolta anche più tempo, se non effettui invii frequenti.

Scopri come vengono monitorate le aperture delle email con ActiveCampaign. 

Errori più comuni

Riattivazione dei contatti non coinvolti

L'errore più comune è trasferire i dati in modo errato in modo che le disiscrizioni vengano riattivate o i contatti non coinvolti vengano improvvisamente mescolati nelle tue liste principali. Fai molta attenzione che le tue informazioni vengano trasferite in modo accurato e senza interruzioni dal tuo vecchio provider ad ActiveCampaign. Sono disponibili guide alla migrazione che illustrano questo processo.

Invii troppo veloci

Il secondo errore più comune è l'invio di troppe email troppo velocemente. Come nuovo mittente, ISP come Outlook hanno limiti rigorosi sul numero di messaggi inviati al giorno. All'inizio, permettono solo poche migliaia al giorno da un “nuovo mittente“. Se inizi a inviare decine di migliaia di messaggi al giorno a Outlook, distruggerai la tua reputazione di invio.

È molto importante facilitare l'invio in modo da poter stabilire adeguatamente la tua reputazione di buon mittente.

Come preparare gradualmente l'invio

Determina le dimensioni della lista contatti

Se la tua lista è inferiore a 50.000 contatti, il resto del piano è semplice. Invia solo ai contatti più coinvolti nelle prime 1-2 settimane con ActiveCampaign. Dopodiché, puoi iniziare a inviarlo a tutti.

Se la tua lista è più grande di 50.000, devi essere molto più cauto, soprattutto se l'elenco è pesantemente ponderato con indirizzi di un ISP come Outlook o Gmail. Si tratta di un piano di riscaldamento di 30 giorni da manuale che la maggior parte dei mittenti può seguire, ma i tuoi Customer Success Manager possono aiutarti a creare un piano personalizzato, se necessario:

  • Settimana 1: aumentare fino a un massimo di 25.000 al giorno
  • Settimana 2: aumentare fino a un massimo di 50.000 al giorno
  • Settimana 3: aumentare fino a un massimo di 75.000 al giorno
  • Settimana 4: aumentare fino a un massimo di 100.000 messaggi al giorno
  • Settimana 5: elenco completo

Invia ai tuoi contatti più coinvolti

La cosa più importante è iniziare con il piede giusto, inviando in un primo momento solo ai tuoi contatti più coinvolti, ossia quelli che hanno recentemente aperto le email o effettuato acquisti negli ultimi 30, 60 o 90 giorni. Sì, questo significa inviare meno messaggi inizialmente, ma questo è molto importante per stabilire una reputazione a lungo termine.

Iniziando solo con le tue liste migliori, puoi gonfiare il tuo tasso di apertura e mostrare che la tua posta è desiderata. Ciò garantisce anche che non invierai a indirizzi freddi e inattivi, il che è dannoso per la tua reputazione.

Come eseguire un riscaldamento più rischioso

Un riscaldamento, per definizione, non può essere troppo aggressivo. Un riscaldamento, per definizione, non può essere "aggressivo": più velocemente vai, maggiore è la probabilità di rovinare la tua Reputazione. Sebbene non sia consigliato, comprendiamo che le aziende a volte richiedono un periodo di riscaldamento più rapido. Un attento monitoraggio del riscaldamento è essenziale. Ciò ti assicurerà di riscaldarti lentamente e ti aiuterà a determinare quando aumentare il volume per il tuo prossimo invio.

Ecco alcune metriche da tenere d'occhio:

  • Picchi di reclami per posta indesiderata
  • Mancati recapiti elevati (potrebbe essere indicativo di una limitazione delle richieste)
  • Picchi di annullamenti dell'iscrizione
  • Tassi di apertura bassi

Se riscontri problemi di deliverability durante un periodo di riscaldamento accelerato, ecco cosa puoi fare:

  • Metti in pausa l'invio e torna al volume dell'invio precedente. Questo consentirà ai filtri antispam di adattarsi al tuo nuovo IP
  • Smetti di inviare ai provider di cassette postali che hanno limitato i tuoi invii. Riduci gli invii di email a questo provider fino a quando il problema non viene risolto
  • Assicurati di non aver inviato a una lista cancellata, alla lista completa o a una grande quantità di contatti non coinvolti

Ecco un esempio di riscaldamento accelerato:

  • Giorno 1: 50 contatti iper-coinvolti
  • Giorno 2: 100 contatti coinvolti
  • Giorno 3: 200 contatti coinvolti
  • Giorno 4: 400 contatti coinvolti
  • Giorno 5: 500 contatti coinvolti
  • Giorno 6: 1000 contatti coinvolti
  • Giorno 7: 2.000 contatti
  • Giorno 8: 4.000 contatti
  • Giorno 9: 8.000 contatti
  • Giorno 10: 16.000 contatti
  • Giorno 11: 32.000 contatti
  • Giorno 12: 64.000 contatti
  • Giorno 13: 128.000 contatti
  • Giorno 14: lista completa

L'approccio di cui sopra avrà successo solo per i mittenti più affidabili e per quelli con i destinatari più coinvolti.

Puntatori aggiuntivi

Per quelli che vogliono prendere tutte le necessarie precauzioni, questi sono alcuni puntatori in più:

  • Utilizza lo stesso nome di dominio di prima come indirizzo email "inviato da"
  • Configura DKIM e DMARC prima di iniziare l'invio. 

    L'autenticazione DKIM e DMARC è richiesta a partire da febbraio 2024, a seguito delle imminenti modifiche apportate da Gmail e Yahoo ai requisiti di autenticazione. ActiveCampaign consiglia vivamente a tutti i mittenti di configurare DKIM e DMARC. Scopri come configurare l'autenticazione DKIM e DMARC.

    Per ulteriori informazioni su queste modifiche, consulta il nostro post sul blog Guida alle modifiche all'autenticazione di Google e Yahoo nel 2024.

  • Mantieni un marchio coerente (design, nome, ecc.). Non rischiare di confondere i destinatari, perché questo potrebbe causare reclami
  • Non introdurre nuove liste
  • Mostra un link aggiuntivo per annullare l'iscrizione nella parte superiore delle tue email durante l'intero riscaldamento (questo aiuta a spingere i tuoi contatti verso l'annullamento dell'iscrizione alla tua lista invece di contrassegnare il tuo messaggio come spam: un annullamento dell'iscrizione non danneggerà la tua deliverability, ma un reclamo per spam lo farà)

In conclusione, la transizione a un nuovo provider può creare molta incertezza. È importante rendersi conto che un calo delle prestazioni è naturale. Tuttavia, questo si risolverà naturalmente se seguirai la procedura consigliata di cui sopra e invierai buoni contenuti a buone liste.

Scopri di più su come mantenere una buona deliverability durante la migrazione ad ActiveCampaign.

Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 77 su 86