L'hype e la verità sulle schede di Gmail

Marketing_Lite_Plus_Professional_Enterprise

Gmail ha lanciato la sua funzione Schede nell'estate del 2013; ora siamo in grado di esaminare alcune statistiche sull'adozione e il comportamento degli utenti per sfatare alcuni dei miti e confermare alcuni sospetti che aleggiano sulla scheda Promozioni.

1 utente di Gmail su 5 ha attivato la scheda Promozioni.

Questo numero è in costante diminuzione, perché il numero di persone che disabilitano la scheda Promozioni supera di gran lunga il numero di persone che la abilitano. È attivata per impostazione predefinita, ma semplicemente molti utenti la disattivano.

Di quei pochi utenti che lo hanno abilitato, il 45% lo controlla quotidianamente.

In altre parole, la trattano come un'estensione della loro casella di posta in arrivo. Molti venditori via email ritengono erroneamente che la scheda Promozioni sia fondamentalmente la cartella Spam, ma questo non è vero. L'utente medio di Gmail apprezza il fatto di avere ben ordinate e in una cartella separata le offerte promozionali più interessanti. In effetti, gli utenti che controllano la scheda Promozioni hanno una maggiore propensione all'acquisto.

In media, la scheda Promozioni ha un tassodi lettura leggermente inferiore.

Anche se alcuni settori vedono effettivamente un tasso di apertura della scheda Promozioni più alto, questa scheda ha nel suo complesso un tasso di apertura più basso, anche se non di molto.

Ma riflettici: solo 1 utente di Gmail su 5 ha attivato la scheda Promozioni e il 22% degli indirizzi contenuti in un elenco tipico di email corrisponde a utenti di Gmail. Ciò significa che solo il 5% circa dei normali contatti degli utenti di ActiveCampaign ha attivato la scheda Promozioni. Pertanto, in media, il posizionamento promozionale ridurrebbe i tassi di apertura solo di circa mezzo punto percentuale, al massimo (e quegli utenti probabilmente convertiranno di più).

Quest'ultimo punto è forse quello più importante. Prendendo insieme tutte queste statistiche, le schede di Gmail non causerebbero mai un calo importante dei tassi di apertura. Anche nelle circostanze più drastiche i tassi di apertura potrebbero ridursi di 1 o 2 punti percentuali, ma sarebbe un evento estremamente raro. Quindi, è importante tenere a mente che, se hai notato un calo dei tassi di apertura, probabilmente la causa non è data da un problema con le schede di Gmail. Invece è molto probabilmente legata a qualcos'altro: potrai ricercarne le cause qui.

Facciamo un passo indietro: perché i messaggi vengono ordinati nella scheda Promozioni?

Google ha un algoritmo molto avanzato che gestisce questo ordinamento ed è impossibile ingannarlo. Questo algoritmo è molto intelligente e osserva attentamente il tipo di email che ogni singolo utente di Gmail legge più spesso. Cerca di determinare quali email mandare nella "Posta in arrivo principale" e quali nella scheda Promozioni "letta meno spesso" utilizzando le metriche tradizionali (quali email sono aperte, eliminate, contrassegnate come spam, ecc). Sono coinvolti migliaia di fattori e non esiste un "pulsante" o un "trigger" che fa sì che i messaggi siano ordinati in un modo o nell'altro (non ascoltare quelli che ti dicono di conoscere il segreto).

In effetti, questo algoritmo di ordinamento è molto buono. 9 utenti Gmail su 10 affermano che ordina correttamente la posta.

A un livello molto basilare, Gmail guarda solo le email che apri più spesso. Se gli sembra che una data email rientri tra quelle che devi vedere urgentemente, viene ordinata nella Posta in arrivo principale. Se invece non apri molto spesso quel determinato tipo di email, viene ordinata nella scheda Promozioni. 

In conclusione?

Non vale la pena contrastare l'inserimento nella scheda Promozioni. Nel complesso, ha un impatto ridicolo sui tassi di apertura. E anche se volessi contrastarlo, semplicemente non c'è modo di ingannare Gmail affinché ordini i messaggi in modo diverso.

Posso provare a fare qualcosa per finire nella Posta in arrivo principale?

La cosa migliore che puoi fare è inviare contenuti coinvolgenti, tempestivi e interessanti a un elenco ripulito di contatti che desiderano riceverli. Se questi utenti vogliono davvero ricevere i tuoi messaggi, Gmail lo noterà e posizionerà le tue email nella scheda appropriata.

Anche se non c'è modo di forzare il tuo arrivo nella Posta in arrivo principale, puoi provare ad arrivarci seguendo alcuni principi di base, ma non è garantito che funzionino:

  • Rimuovi le immagini e utilizza solo testo
  • Personalizza il più possibile il messaggio utilizzando automazioni, contenuti condizionali e invii pianificati. Le campagne in blocco hanno quasi lo 0% di possibilità di andare alla scheda principale
  • Rimuovi le espressioni di carattere promozionale
  • Fai corrispondere l'indirizzo del mittente con quello di risposta

Chiedi ai tuoi contatti di disabilita la scheda Promozioni 

Tieni inoltre presente che se invii email commerciali, l'atterraggio nella scheda Promozioni è il comportamento previsto. 

Sorgente

Per ulteriori informazioni sulle schede di Gmail e ulteriori suggerimenti su come gestire tale funzione, consulta questo post del blog.

Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 9 su 18