Aggiornamenti all'utilizzo di un indirizzo @gmail.com come email mittente

Marketing_Lite_Plus_Professional_Enterprise

Un indirizzo freemail è un account email gratuito che offre servizi email di base. I provider email gratuita più popolari sono Gmail e Yahoo, ma ne esistono molti altri. L'indirizzo freemail avrà l'aspetto di person@gmail.com o person@yahoo.com. Questo articolo spiegherà perché non si devono usare indirizzi email gratuiti nell'indirizzo "Da" quando si inviano email con ActiveCampaign.

Perché non consigliamo di utilizzare un indirizzo email gratuito?

L'uso di un indirizzo email gratuito come @gmail.com, @yahoo.com o @outlook.com come indirizzo "Da" in ActiveCampaign causerà problemi di recapito. Questo perché gli spammer spesso utilizzano indirizzi email gratuiti per nascondere la propria identità, in modo da poter essere associati a spam e attività dannose.

Alcuni domini, come @yahoo.com, hanno politiche DMARC pubbliche che vietano completamente l'uso del dominio con qualsiasi provider email di terze parti, come ActiveCampaign. Se inviate da indirizzi email gratuiti con ActiveCampaign, quasi tutte le vostre email verranno respinte.

In particolare, se si utilizza un indirizzo @gmail.com, è importante passare a un dominio di proprietà il prima possibile a causa dei cambiamenti che Gmail sta implementando a partire da febbraio 2024. Queste modifiche influiscono direttamente sull'invio di messaggi da indirizzi @gmail.com.

Si consiglia vivamente di inviare dal proprio dominio se si utilizza un indirizzo email gratuito per mantenere la consegna delle email con ActiveCampaign.

Modifiche specifiche per gli indirizzi @gmail.com

A partire da febbraio 2024, Gmail ha implementato politiche di autenticazione delle email e di prevenzione dello spam che impediranno di inviare email attraverso ActiveCampaign con @gmail.com o @googlemail.com come indirizzo "Da".

Se inviate email con @gmail.com nell'indirizzo "Da", dovete passare a un dominio di vostra proprietà. Questa modifica riguarda solo gli indirizzi @gmail.com. Non riguarda gli indirizzi di Google Workspace.

Per saperne di più su queste modifiche di Gmail.

Cosa devo fare se sto usando un indirizzo @gmail.com o un indirizzo freemium?

Per mantenere la consegna delle vostre email con ActiveCampaign, dovete inviare da un dominio di vostra proprietà. Ecco due opzioni:

Opzione 1:

Se si possiede già un dominio, aggiungere il proprio dominio ad ActiveCampaign come dominio di invio. In questo modo si stabiliranno i record di autenticazione DKIM, DMARC e SPF necessari per inviare le campagne con ActiveCampaign. In questo modo si soddisfa anche il requisito di Google che impone a tutti i mittenti di impostare l'autenticazione DKIM e DMARC.

Se si aggiunge un dominio che non è mai stato utilizzato per l'invio di email, è necessario riscaldarlo. Scoprite come riscaldare un nuovo dominio di invio per suggerimenti sul riscaldamento di un dominio inutilizzato.

Opzione 2:

Se non possedete già un dominio, vi consigliamo vivamente di acquistarne uno e di iniziare a usarlo con ActiveCampaign. È possibile acquistare un dominio all'interno di ActiveCampaign.

È necessario riscaldare questo dominio. Imparate come riscaldare un nuovo dominio di invio.

Cosa succede se non agisco con il mio indirizzo @gmail.com?

A partire dal 1° febbraio 2024, ActiveCampaign sostituirà il vostro dominio @gmail.com con un indirizzo sostitutivo di nostra proprietà e vi inoltrerà le risposte.

Ad esempio, se si imposta una campagna per utilizzare un indirizzo come example@gmail.com, l'indirizzo "Da" per le email sarà sostituito da uno come questo:

example.gmail.com@youraccount.emcampaign.com

Il dominio esatto può variare, ma sarà simile a "emcampaign.com"

Questo dominio generico e condiviso non dovrebbe essere adottato come soluzione a lungo termine e si dovrebbe aggiungere il proprio dominio di invio ad ActiveCampaign il prima possibile.

Si noti che questa email del mittente temporaneo può comportare quanto segue:

  • Scarsa deliverability perché questo indirizzo sostitutivo sarà condiviso da altri mittenti di ActiveCampaign e la reputazione del dominio potrebbe essere inaffidabile
  • Gli iscritti potrebbero non riconoscere il nuovo indirizzo email temporaneo "Da", generando confusione
Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 3 su 6