Come e perché ripulire il tuo elenco dei contatti per migliorare la recapitabilità delle e-mail

Mantenere uno o più elenchi ripuliti di contatti nel tuo account ActiveCampaign è essenziale quando si parla di successo e impatto dell'e-mail marketing. L'invio di e-mail a un elenco ripulito garantisce di inviare e-mail solo alle persone che vogliono ricevere le tue comunicazioni; non solo questo aumenterà i tassi di coinvolgimento, ma contribuirà a migliorare la recapitabilità complessiva, la reputazione del mittente e l'indirizzamento nella posta in arrivo.  

Perché è necessario ripulire gli elenchi dei contatti

Mantenere un elenco ripulito di contatti è fondamentale per un buon e-mail marketing e ha diversi vantaggi, alcuni dei quali sono:

  • Tassi di coinvolgimento più elevati (più aperture e clic) con le tue e-mail
    La rimozione dei contatti inattivi dall'elenco implica che invierai le tue e-mail ai contatti che hanno maggiori probabilità di aprire le tue campagne e fare clic su una call-to-action. Quando rimuovi i contatti inattivi, il numero dei contatti scenderà, ma questo non è un problema. Potrai mantenere i contatti che contano di più e che avranno un impatto positivo sulla tua recapitabilità complessiva. 
  • Capacità di anticipare l'abbandono dell'elenco
    I venditori via e-mail dovrebbero aspettarsi di perdere circa il 30% del proprio elenco dei contatti nel corso di un anno. Questo è normale, ma fino a un certo punto. Per abbandono si intende il numero di contatti che vengono respinti, annullano l'iscrizione o rimangono nel tuo elenco a "fare la muffa". Ripulendo regolarmente l'elenco, è possibile rimuovere i vecchi contatti non coinvolti prima che inizino a danneggiare la salute del mittente.
  • Migliore comprensione della tua strategia di e-mail marketing
    L'invio di e-mail a un elenco che contiene contatti non coinvolti può rendere difficile vedere il rendimento delle campagne, il che a sua volta rende difficile sapere cosa cambiare nella tua strategia. Rimuovendo i contatti inattivi, vedrai rapporti più accurati e ti farai un'idea migliore su cosa funziona e cosa no.  

Se non ripulisci regolarmente i tuoi elenchi, rischi una diminuzione dei tassi di apertura e di clic e un aumento di rimbalzi e reclami per spam. Tutti questi fattori contribuiscono a ridurre la recapitabilità, a danneggiare la reputazione del mittente e all'inserimento del tuo dominio nella lista nera degli ISP.

Come ripulire gli elenchi dei contatti

Tenere traccia del coinvolgimento dei contatti e rimuovere i contatti inattivi è una delle migliori prassi che tutti i venditori via e-mail dovrebbero implementare. Questo ti aiuterà a vedere quali contatti interagiscono con te e quali contatti stanno danneggiando il tuo programma e la reputazione del tuo dominio. 

ActiveCampaign dispone di strumenti utili sia per rimuovere immediatamente i contatti inattivi dagli elenchi, sia per tenere traccia del coinvolgimento nel tempo. 

Per prima cosa: Automazioni di Engagement Tagging

Consigliamo a tutti i venditori via e-mail di configurare le automazioni di Engagement Tagging non appena sono in grado di farlo. Queste due automazioni predefinite e gratuite lavorano insieme per tenere traccia del coinvolgimento dei contatti nel tempo applicando 4 tag diversi ai contatti: Coinvolto, Attività recente, Non coinvolto e Inattivo. Questi tag vengono aggiunti o rimossi dai contatti in base a quanto tempo è passato dall'ultima volta in cui hanno interagito con la tua e-mail o hanno visitato il tuo sito web. Sebbene queste automazioni abbiano già alcuni intervalli inclusi, puoi modificarli affinché si adattino meglio alle tue esigenze.

Per sfruttare questi tag, puoi:

  • Creare un segmento di contatti con il tag Coinvolto e inviare campagne solo a quel segmento. In questo modo, escludi l'invio ai contatti contrassegnati come Non coinvolti o Inattivi, la qual cosa può favorire i tuoi tassi di recapitabilità
  • Utilizzare canali di comunicazione diversi, ad esempio messaggi sul sito o SMS, per informare i contatti contrassegnati come Non coinvolti o Inattivi
  • Aggiungere i contatti contrassegnati come Non coinvolti o Inattivi a una serie di automazioni di ricoinvolgimento. Se non interagiscono nuovamente con le tue comunicazioni, puoi eliminarli dai tuoi elenchi
  • Aumentare o diminuire il punteggio di un contatto quando applichi questi tag ai contatti

Per seconda cosa: Strumento di Engagement Management

Se desideri rimuovere subito i contatti inattivi, puoi farlo tramite lo strumento di Engagement Management. Puoi eseguire questa operazione mentre implementi le automazioni di Engagement Tagging.

Lo strumento di Engagement Management ripulisce gli elenchi rimuovendo i contatti che non sono hanno mai interagito con le tue e-mail o che non sono stati coinvolti entro un determinato periodo di tempo. Sappi che dovrai usare questo strumento se inizi a vedere un calo dei tassi di apertura e di clic e un aumento dei rimbalzi e dei reclami per spam. 

Ti consigliamo di usare questa opzione come soluzione rapida quando inizi a implementare le automazioni di Engagement Tagging. 

Importare elenchi durante la migrazione ad ActiveCampaign

Se esegui la migrazione ad ActiveCampaign da un'altra piattaforma, esamina attentamente ogni elenco che stai trasferendo e suddividi ciascuno di essi in tre categorie separate: Iscritti, Respinti e Non iscritti. Quindi importa ogni categoria separatamente. Questo ti aiuterà a evitare di inviare e-mail ai contatti rimbalzati e non iscritti, un errore che può danneggiare la tua recapitabilità e la salute del mittente.

Migrazione dei contatti iscritti

Per quanto riguarda i contatti iscritti, potresti importarli nel tuo elenco con lo stato "Iscritto". Puoi eseguire questa operazione selezionando "Importa come contatto attivo" nella pagina di importazione quando carichi il tuo file CSV.

I contatti che potresti importare con lo stato Iscritto sono quelli che: 

  • Hanno esplicitamente scelto di ricevere e-mail di marketing da te (il che significa che il tuo elenco non è stato acquistato o preso a nolo)
  • Hanno ricevuto una tua e-mail nell'ultimo anno
  • Hanno interagito con le tue comunicazioni negli ultimi 12 mesi

Quando importi questi contatti, potresti aggiungere un tag per mostrare che sono iscritti e provengono dalla piattaforma precedente. Ad esempio, il tag potrebbe essere simile a questo: subscribed_youroldplatform.

Ti consigliamo inoltre di importare le seguenti informazioni dalla piattaforma precedente (se disponibili) quando importi i contatti iscritti. Puoi includere queste informazioni nel file CSV di importazione e mapparle in un campo personalizzato creato nel tuo account ActiveCampaign:

  • Punteggio di coinvolgimento
    Alcune piattaforme di e-mail marketing, ad esempio MailChimp, forniscono punteggi di coinvolgimento dei contatti. Puoi importare questi punteggi nel tuo account ActiveCampaign e utilizzarli per creare il tuo sistema di punteggio dei contatti. Inoltre, puoi utilizzare queste informazioni per creare segmenti dei contatti. In questo modo sarà più facile inviare e-mail innanzitutto agli abbonati più coinvolti, al fine di allenare correttamente il server di invio. Si tratta di una tra le migliori prassi di recapitabilità che consigliamo a tutti i clienti che migrano su ActiveCampaign. Leggi questo articolo di aiuto sulla recapitabilità nei primi 30 giorni per ulteriori informazioni. 
  • Data di coinvolgimento più recente
    Una volta importati questi dati, è possibile utilizzarli per creare segmenti dei contatti. Per allenare il server di invio, potresti inviare e-mail ai contatti coinvolti con te in tempi più recenti: ad esempio, negli ultimi 30-60 giorni. Questi contatti sono più propensi a rimanere coinvolti con le e-mail inviate dal tuo account ActiveCampaign; questo ti aiuterà a definire una sana reputazione del mittente a lungo termine. 
  • Data di opt-in nell'elenco
    Potresti includere la data di opt-in nell'elenco all'interno del file da importare, in quanto consente di dimostrare il consenso alla procedura di opt-in.

Migrazione dei contatti respinti

Per quanto riguarda i contatti che hanno ricevuto lo stato Respinto sulla piattaforma precedente, potresti importarli separatamente nel tuo elenco di esclusione. Un elenco di esclusione è un elenco di indirizzi e-mail a cui viene impedito di ricevere campagne ed e-mail di automazione inviate da te. Ogni account ActiveCampaign è dotato di un elenco di esclusione.

Inoltre, potresti applicare un tag a questi contatti al momento dell'importazione, per far notare che sono stati respinti da un elenco sulla piattaforma precedente. Ad esempio, il tag potrebbe essere simile a questo: bounced_listname_youroldplatform.

Quando importi questi contatti, potresti utilizzare l'opzione "Importa come escluso" situata nell'elenco a discesa "Opzioni di importazione". Non è necessario selezionare un elenco nell'opzione "Seleziona elenchi" per questa procedura di importazione.

Migrazione dei contatti non iscritti

Per quanto riguarda i contatti che hanno ricevuto lo stato Non iscritto sulla piattaforma precedente, potresti importarli separatamente nel tuo elenco come contatti non iscritti e applicare loro un tag in fase di importazione per mostrare che hanno precedentemente annullato la loro iscrizione. Ad esempio, il tag potrebbe essere simile a questo: unsubscribed_youroldplatform.

Quando importi questi contatti, potresti selezionare l'elenco dei contatti non iscritti sotto la voce "Seleziona elenco" e usare l'opzione "Importa come contatto non iscritto" situata nell'elenco a discesa "Opzioni di importazione".

Questo articolo ti è stato utile?

Have more questions? Submit a request

Provalo gratis