Emoji, linee dell'oggetto e consegnabilità

La comunicazione come mezzo è in continua evoluzione ed è importante come marketer o mittente trasmettere correttamente il tuo messaggio al tuo pubblico di destinazione. Le emoji, anche se radicate nella comunicazione mobile/social media, sono rapidamente diventate un metodo ampiamente accettato per trasmettere emozioni, enfatizzare punti importanti e accorciare la comunicazione con le immagini. L'accettazione di queste immagini permette ai mittenti di utilizzarle per trasmettere i nostri messaggi in modi nuovi; si spera in un modo che cattura l'attenzione dei nostri lettori al di là del testo normale. Con la recente implementazione dell'aggiunta di emoji alle linee dell'oggetto in ActiveCampaign, abbiamo voluto darti un po 'di un primer su emoji.

Prestazioni Emoji nelle campagne e-mail

Nel 2017, Return Path ha fatto un'analisi approfondita sull'uso di emoji nelle righe dell'oggetto. L'analisi è stata condotta utilizzando test A / B e messaggi promozionali mirati utilizzando emoji nella riga dell'oggetto che erano rilevanti per le festività nel mese corrente. I risultati, anche se non rigidi, hanno mostrato un aumento del tasso di lettura e del posizionamento della posta in arrivo, a seconda del messaggio. Ma in molti casi, c'è stato anche un corrispondente aumento del tasso di reclamo di spam.

Logicamente, questi risultati hanno senso. Le linee dell'oggetto sono uno dei tuoi strumenti più forti per catturare l'attenzione di un lettore e invogliarli ad aprire il tuo messaggio. Aggiungendo immagini colorate a questa linea di testo normalmente blanda, stai tirando gli occhi del lettore al tuo messaggio, nel bene e nel male. Un messaggio che normalmente sarebbe stato ignorato in passato potrebbe essere aperto e letto, ma il destinatario potrebbe essere solo abbastanza allettante per rendersi conto che non vogliono più ricevere le tue e-mail (o potrebbero aver dimenticato perché si sono iscritte e inviarlo allo spam). Pertanto, è importante assicurarsi liste pulite e includere un promemoria sul motivo per cui i contatti ricevono il messaggio quando inviano loro e-mail; contatti che normalmente sarebbero disimpegnati e sono stati rimossi nella pulizia lista normale potrebbe finire per dinging la vostra reputazione di invio con un reclamo di spam.

Inoltre, mentre i risultati di Return Path e di altri hanno notato che diverse emoji possono portare a un posizionamento più elevato della posta in arrivo, pochi professionisti delle consegne sono completamente convinti che ci sia una correlazione. Come il contesto e la tempistica dei messaggi nella ricerca è cambiato, così ha fatto le linee dell'oggetto (Buon Natale vs Happy Arbor Day). Dover cambiare le righe dell'oggetto significa che i dati non sono del tutto coerenti, e non siamo convinti che l'aggiunta di un albero alla riga dell'oggetto aiuterà i tuoi messaggi a essere inboxed a Yahoo se non lo farebbero altrimenti.

Utilizzo e test di emoji nelle campagne

La decisione di utilizzare emoji si riduce al tuo marchio, al tuo messaggio e ai tuoi destinatari. Gli usi principali delle emoji nelle righe dell'oggetto sono:

1. Agire come un sostituto di una parola o frase

È possibile utilizzare emoji per aggiungere un po 'più di 'testo' al soggetto o testo pre-intestazione senza occupare spazio prezioso carattere. Tuttavia, non ti consigliamo di sostituire le frasi chiave con emoji altrimenti la riga dell'oggetto potrebbe non avere senso per il tuo contatto.

2. Supporta il tuo messaggio con l'emozione

Uno scherzo ironico o un appello alle emozioni possono essere supportati da emoji per aiutare a chiarire il loro significato nella riga dell'oggetto.

3. Enfatizzare determinate parole in una riga dell'

Un piccolo aereo accanto a un annuncio di promozioni di volo può punteggiare quella particolare parola e portarla all'attenzione del lettore.


Quindi, parliamo di quali emoji potresti usare e quando usarle.

Branding

È importante prendere nota di eventuali problemi di branding che possono presentarsi quando si utilizzano emoji. L'uso di emoji nello slogan del tuo brand, o uno che potrebbe scontrarsi con il tuo logo, potrebbe confondere i destinatari e causare problemi di coinvolgimento.

Messaggistica

Le emoji hanno un'atmosfera informale e non professionale. Questo può sicuramente funzionare per marchi più rilassati, ma professioni come avvocati e medici non possono essere prese sul serio se sottopone il loro messaggio con:

È importante decidere se le emoji sono corrette per l'integrità del tuo marchio prima di usarle.

Destinatari

Questo è dove la segmentazione mirata può davvero aiutare il vostro invio. L'utilizzo di campi personalizzati per tenere traccia dell'età di un contatto o del prodotto a cui sono interessati può aiutare a determinare se le emoji vale la pena testare nella riga dell'oggetto. Un elenco di grandi dimensioni può essere facilmente segmentato e inviato due messaggi diversi; mirando e testando l'uso di emoji, potresti vedere risultati ancora migliori. Ricorda, la tua comunicazione deve essere chiara al tuo destinatario. Se non capiscono qual è il tuo messaggio, c'è poca possibilità che si attacchi.

Come implementare emoji nel tuo email marketing

Non tutti i provider di servizi di posta elettronica o i sistemi operativi supportano emoji, quindi prima di trasformare la riga dell'oggetto in una catena di immagini, ti piacerà assicurarti che i tuoi destinatari possano visualizzare correttamente le tue emoji. È consigliabile testare il messaggio con provider di posta elettronica e sistemi operativi diversi. Ti tigli anche di tenere d'occhio i provider di posta elettronica più utilizzati sulla tua lista per assicurarti che la maggior parte dei tuoi destinatari abbia emoji renderizzate correttamente prima di usarle.

Puoi anche utilizzare le nostre campagne di test A/C per avere un'occhiata a come i tuoi destinatari risponderanno alle emoji. Questo ti darà informazioni sul fatto che l'uso di emoji funzioni per i tuoi invii. E ricorda, più puoi segmentare e scegliere come target, migliore sarà il servizio delle tue campagne.

Altre domande? Invia una richiesta