L'hype e la verità sugli elenchi di blocco delle email

Marketing_Lite_Plus_Professional_Enterprise

Esistono diverse organizzazioni blocklist che bloccheranno il dominio o l'indirizzo IP. Questo di solito accade quando queste organizzazioni credono che si sta inviando spam. Tuttavia, solo alcuni di questi blocklist sono rispettabili. La maggior parte delle liste nere sono insignificanti e non avranno alcun impatto sulla consegna.

Che cos'è un blocklist?

Una lista nera è un elenco di domini e indirizzi IP che inviano spam. Questi blocklist vengono aggiornati in tempo reale dalle organizzazioni blocklist.

Fin dagli albori delle email, i fornitori di cassette postali avevano bisogno di aiuto per proteggere i propri clienti dallo spam. Hanno esternalizzato gran parte di questo lavoro a terze parti, che ora sono conosciute come liste nere. Queste terze parti monitorato email inviate in tutto il mondo per identificare i domini e gli indirizzi IP che inviavano spam. Se un'organizzazione blocklist rilevasse qualcuno che invia posta indesiderata, finirebbe per essere in un blocklist.

I provider di cassette postali, ad esempio Microsoft, pagheranno per questi dati blocklist e bloccherebbero i messaggi di chiunque si trovasse in un blocklist. E 'stato un modo rapido per identificare gli spammer e impedire loro email di raggiungere caselle di posta in arrivo.

Funzionamento degli elenchi di blocchi

I mittenti finiscono in una blocklist se inviano email a trappole spam che una blocklist sta monitorando. Le trappole per posta indesiderata sono indirizzi email che non hanno mai scelto di email o non hanno optato per l'email per anni. Chiunque invii a questi indirizzi email probabilmente non utilizza i dati di opt-in, o i loro dati sono molto vecchi.

Le organizzazioni blacklist spesso circolano trappole di spam in luoghi diversi su Internet. Questo può includere siti che affittano e vendono liste, nonché pagine pubbliche utilizzate dagli spammer per raschiare per gli elenchi. Un'organizzazione nella lista nera può anche monitorare gli indirizzi email vecchi e inutilizzati che sono stati abbandonati o arrestati. Chiunque catturato l'invio a queste trappole di spam vengono aggiunti alle liste nere.

Cosa è cambiato

I principali provider di cassette postali non si affidano più alle liste nere pubbliche per identificare la posta indesiderata. Gmail, Microsoft, Yahoo e altri hanno tutti sviluppato modelli di apprendimento automatico molto sofisticati, proprietari per identificare gli spammer senza dover pagare liste nere per queste informazioni. Il risultato è che i loro modelli sono più precisi che mai e più difficili da ingannare per gli spammer.

Significa anche che i blocklist non hanno lo stesso impatto di una volta. Centinaia di liste nere esistono oggi, molti dei quali sono resti degli anni '90 e dei primi anni 2000. Queste liste di blocco sono spesso abbandonate e imprecise, motivo per cui non vengono utilizzate da nessuno dei principali fornitori di email, quindi non hanno alcun impatto sulla tua deliverability.

Come sapere se sei in lista

La maggior parte dei blocklist sono informazioni pubbliche; chiunque può controllarli. Puoi utilizzare uno strumento gratuito come Mxtoolbox per vedere se il tuo indirizzo IP o dominio appare nelle liste di blocco pubbliche. Mxtoolbox vi mostrerà circa 100 liste nere e si può anche trovare voi elencati su alcuni di questi. Tuttavia, il 95% delle liste di blocco visualizzate in uno strumento come questo di solito può essere ignorato.

Si noti che alcune liste nere, come Proofpoint (Cloudmark), non sono disponibili in Mxtoolbox. Ciò è dovuto al modo in cui sono configurati. Sarà necessario verificare direttamente con i rispettivi siti web.

Quali blocklist hanno un impatto?

Ci sono solo poche liste nere che sono motivo di allarme e potrebbero danneggiare la consegna:

Spamhaus

Spamhaus è la blocklist più severa. Se il tuo IP o dominio è elencato da Spamhaus significa che c'è un grosso problema.

Spamhaus ha una rete molto sofisticata di trappole antispam. Queste trap vengono utilizzate per identificare i mittenti che inviano messaggi non richiesti a indirizzi email che non hanno mai acconsentito esplicitamente. Hanno vari blocklist con diversi livelli di gravità. Essere in qualsiasi blocklist spamhaus è indicativo di un problema serio.

In tal caso, dovresti interrompere immediatamente l'invio di email e rivedere attentamente l'elenco, il contenuto e le pratiche di invio. Puoi quindi chiedere loro di essere rimossi dalla lista.

Per rimuovere la lista, vai al sito web di Spamhaus e controlla la presenza di una blocklist. Se il tuo dominio o indirizzo IP è nella loro lista nera, segui le istruzioni specifiche nella pagina di presentazione. Tieni presente che potrebbe essere necessario inviare un'email a Spamhaus e aprire una finestra di dialogo con loro per essere rimossi.

Punto di prova (Cloudmark)

I provider di cassette postali come Cox, Charter e Shaw utilizzano Proofpoint per identificare lo spam. Proofpoint analizza i messaggi per identificare un'impronta digitale di spam e quindi nella lista nera di un indirizzo IP associato a tali messaggi. Hanno anche molti altri punti dati e possono identificare molti tipi di spam con precisione. Proofpoint è la lista nera dietro le caselle di posta di Apple come icloud.com e mac.com. Se Proofpoint ti aggiunge alla sua lista nera, la tua email non riuscirà a consegnare alla maggior parte degli indirizzi email Apple/ Mac/ iCloud.

Per rimuovere dalla lista, compila il modulo di rimozione di Proofpoint (Cloudmark) e il modulo di rimozione di Proofpoint (Apple).

Invalutazione

Invaluement è una blocklist affidabile che elenca gli indirizzi IP e i domini che inviano spam, di solito con particolare attenzione alla posta B2B. Invaluement a volte elenca interi intervalli IP appartenenti ai fornitori di servizi email se consentono ai loro clienti di inviare spam. Anche i provider di cassette postali come BTinternet nel Regno Unito, il provider nazionale Mimecast e gmx/web.de in Germania utilizzano Invaluement per bloccare i messaggi.

Per rimuovere dalla lista, compila il modulo di rimozione di Invaluement.

Barracuda

Barracuda è un accessorio di sicurezza utilizzato dalle aziende per proteggere le caselle di posta in arrivo da spam e phishing in entrata. Mantengono una lista nera rispettabile di spammer, ma è ha un impatto molto piccolo. Pochi provider al di fuori di Barracuda useranno questa lista nera per bloccare i messaggi.

Per rimuovere dalla lista, compila il modulo di rimozione Barracuda.

Blocklist specifici del provider di cassette postali

Non esiste una lista nera pubblica per i principali provider di cassette postali come Gmail, Yahoo e Microsoft. In rari casi, i provider di cassette postali bloccherà i messaggi che pensano siano spam, ma questo non si basa su una semplice lista nera. Non ci sono luoghi pubblici in cui è possibile verificare se un IP è bloccato a queste destinazioni. Più spesso, i messaggi vengono automaticamente collocati nella cartella spam del destinatario.

Con Microsoft, puoi vedere se il tuo IP è bloccato tramite il tuo portale SNDS e con Gmail puoi vedere che il tuo indirizzo IP ha una cattiva reputazione tramite Google Postmaster Tools. Tuttavia, queste non sono liste nere; sono indicatori che si dispone di un grave problema di reputazione con Microsoft o Gmail. Questi tipi di problemi non verranno visualizzati nelle ricerche Mxtoolbox e non è possibile delisterli.

Alcuni provider di cassette postali più piccoli come Cox e Comcast hanno liste nere, ma anche questi non sono pubblici. Se questi si verificano sono di solito temporanei, solo per circa 24 ore, e di solito sono il risultato di un picco di reclami di spam o un problema con una lista nera come Proofpoint o Spamhaus. Poiché questi sono specifici di un provider di cassette postali, non vedrai questi elenchi di blocchi in Mxtoolbox o in qualsiasi strumento di controllo dell'elenco di blocco pubblico.

Cosa fare se sei in un blocklist

Le liste nere sono per lo più irrilevanti per la tua consegna a meno che non ti trovi nelle liste nere di cui sopra. Se il tuo dominio o indirizzo IP appare in una di queste liste nere, dovresti presentare un file per il delisting utilizzando i moduli appropriati sopra condivisi.

Inoltre, dovrai spiegare perché sei stato aggiunto a una lista nera. Se non si tratta del problema sottostante, verrà aggiunto di nuovo alla lista nera e sarà ancora più difficile rimuoversi da esso. È molto importante esaminare con problemi la raccolta dei dati e le procedure di invio per determinare il motivo per cui sono stati nella lista nera e quindi intervenire per risolverli.

Ecco alcuni motivi comuni per cui potresti essere bloccato:

Si utilizzano vecchi dati che devono essere puliti

Ti consigliamo di rimuovere i contatti che non hanno aperto le tue email negli ultimi 6-12 mesi. Alcuni di questi vecchi indirizzi email possono ora essere riciclati trappole di spam e dovrebbero essere rimossi dalla vostra lista. A tale scopo, ti consigliamo di utilizzare lo strumento Gestione del coinvolgimento.

Si sta inviando a email che non hanno acconsentito esplicitamente

Se stai inviando email a contatti che non hanno optato per il tuo contenuto o il tuo brand, devi rimuovere questi contatti o smettere di inviare loro contenuti che non desiderano ricevere. Ad esempio, l'invio di email a liste acquistate, scambiate o aggiunte ti farà sì che tu sia nella lista nera.

I moduli sono stati attaccati da un bot di spam

Se i tuoi moduli sono stati attaccati da un bot spam, la tua lista potrebbe essere piena di trappole spam o indirizzi email di persone reali che non hanno scelto di ricevere email da te. Se sospetti che ciò stia accadendo, ti consigliamo di aggiungere captcha ai tuoi moduli e di utilizzare un processo di doppio opt-in.

I tuoi indirizzi email possono contenere errori di battitura

Se si immettono manualmente gli indirizzi email in ActiveCampaign, si può accidentalmente finire con indirizzi email con errori di ortografia che sono in realtà trappole di spam. Prova a utilizzare un modulo di abbonamento sul tuo sito web con il doppio opt-in il più possibile per combattere questo.

Se segui le nozioni di base e invii contenuti coinvolgenti a liste pulite e opt-in, non dovresti trovarti in nessuna lista nera.

Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 13 su 22