Migliori prassi per l'utilizzo dei tag in ActiveCampaign

Marketing_Lite_Plus_Professional_Enterprise

Sales_Plus_Professional_Enterprise

I tag offrono un modo flessibile per organizzare i contatti e possono essere utilizzati nei trigger di avvio dell'automazione e come condizioni nel contenuto condizionale (disponibile su Marketing Plus, Professional ed Enterprise). Sono pensati per rappresentare dati temporanei e sono molto facili da applicare ai contatti. Ad esempio, i tag possono essere aggiunti ai contatti manualmente o tramite automazioni, moduli, clic sui link, integrazioni e chiamate API.

Poiché i tag sono facili da creare, potresti finire con troppi tag o un sistema di tagging disorganizzato. Tuttavia, seguire queste best practice può aiutarti a evitare quella che potrebbe essere una situazione confusa o addirittura frustrante.

Pianificare il sistema di tagging

Di quali tag hai bisogno e come li userai? Questa è una domanda importante da porsi per due motivi. Innanzitutto, ti impedirà di creare tag, di creare tag. Come marketer, diventiamo raccoglitori di dati, ma più dati non sono sempre migliori. Se non hai intenzione di usare un tag, la sua esistenza complica solo le cose. In secondo luogo, quando vedi i tag che stai per creare, ti aiuta a identificare e definire una struttura logica.

Ad esempio, potresti voler taggare i tuoi clienti in base alla categoria di prodotto che hanno acquistato in modo da poter eseguire l'upselling, il cross-selling e il down-selling post-acquisto. Potresti decidere che è logico avere una struttura come questa:

  • Cliente - Fotocamera
  • Cliente - Lens
  • Cliente - Stoccaggio
  • Cliente - Accessori

Errore sul lato della semplicità... ma sii descrittivo

Ad alcune persone piace usare acronimi e codici nei loro tag perché crea un tag più breve e più bello. Il rovescio della medaglia è che i tag diventano criptici e difficili da decodificare. Se scegli di eseguire questa operazione, assicurati di utilizzare la funzione di descrizione di Gestione tag per documentare lo scopo del tag e il suo significato.

Anche se i tuoi tag possono diventare più lunghi, è buona norma renderli il più semplici possibile. Ad esempio, " Pagina prezzi visitata" potrebbe essere un bel tag. Sai esattamente cosa significa e non lo dimenticherai mai.

Utilizzare convenzioni di denominazione coerenti

Alcune persone usano parentesi quadre:

  • [CUSTOMER] Fotocamera

Alcune persone usano i due punti:

  • Cliente: Camera

O trattini:

  • Interest - Contenuto - Video

Categorizzare i tag

È inoltre possibile utilizzare una convenzione di denominazione per classificare i tag. Ad esempio, potresti avere un gruppo di tag che indica comportamenti diversi:

  • [AZIONE] Whitepaper scaricato
  • [AZIONE] Link cliccato
  • [AZIONE] Campagna aperta
  • [AZIONE] Pagina web visitata

In alternativa, potresti avere tag che indicano gli interessi di prodotti e contenuti:

  • Interesse - Prodotto - Fotocamere
  • Interessi - Prodotto - Supporti di memorizzazione
  • Interesse - Contenuto - Lenti
  • Interessi - Contenuti - Come

Puoi usare qualsiasi carattere speciale, quindi scegli lo stile di notazione che ha più senso per te.

Abbellire regolarmente i tag

Anche con un piano, il tuo elenco di tag si espande continuamente. Fai in modo di rivedere regolarmente i tuoi tag e rimuovere i tag che sono ridondanti o non necessari. Gestione tag consente di visualizzare facilmente tutti i tag, eliminarli e unire i duplicati in un unico tag.

Ulteriori informazioni sulle best practice per l'utilizzo dei tag in ActiveCampaign.

Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 44 su 54