Guida alla consegna di ActiveCampaign a Gmail

Marketing_Lite_Plus_Professional_Enterprise

Gmail è il principale fornitore di email sia B2B che le cassette postali dei consumatori negli Stati Uniti. Google gestisce gmail.com e fornisce anche Google Workspace per le aziende. Gli indirizzi email dell'area di lavoro seguono regole di recapito simili a quelle di qualsiasi normale indirizzo Gmail consumer.

Questo articolo ti guiderà attraverso le best practice di Gmail e ActiveCampaign che ti aiuteranno a raggiungere il successo con Gmail. 

Linee guida per i mittenti in blocco

Gmail ha una fantastica guida chiamata "Impedisci che la posta agli utenti di Gmail venga bloccata o inviata allo spam". Questo è uno dei posti migliori per conoscere le best practice e la buona consegna con Gmail. 

Questa guida, insieme a questo articolo, illustra i principi fondamentali su cui dovrai concentrarti per ottenere una grande consegna con Gmail.

Dominio e dominio Reputazione IP

La reputazione del tuo dominio è il fattore più importante per la pubblicazione su Gmail. È ancora più importante della tua reputazione IP. Gmail ha un modello di apprendimento automatico molto sofisticato e intelligente che tiene traccia dell'attività di ogni dominio. La cronologia della reputazione del tuo dominio è ciò che determinerà la tua consegna a Gmail.

Poiché i domini hanno un peso così speciale in Gmail, dovresti cercare di utilizzare il minor numero possibile di domini. Questo vi aiuterà a mantenere una statica, reputazione condensata. Se possibile, è inoltre consigliabile evitare di utilizzare un nuovo dominio. Un nuovo dominio avrà la consegna sub-par in Gmail per almeno un paio di settimane in quanto si costruisce una reputazione positiva.

Si dovrebbe solo spegnere il dominio se è assolutamente necessario. Se si spegne il dominio, tenere presente che ci vorrà del tempo per il nuovo dominio per riscaldarsi.

In questo articolo, quando si fa riferimento a "reputazione del mittente" ci riferiamo alla tua reputazione complessiva del dominio.

Perché il coinvolgimento è importante per la deliverability di Gmail

Il coinvolgimento è il fondamento della consegna di Gmail. Dovresti concentrarti sul coinvolgimento al di sopra di ogni altra cosa.

Gmail dice nella sua guida: "Invia posta solo agli utenti che scelgono di ricevere e leggere i tuoi messaggi". Ciò significa che devi inviare messaggi ai destinatari che hanno aderito alla tua lista e hanno interazioni positive con le tue email. In questo modo sarà possibile stabilire una solida reputazione di dominio ed evitare problemi di deliverability.

Questi sono esempi di interazioni positive che un utente può avere con i tuoi messaggi:

  • Apertura
  • Inoltro
  • Rispondere
  • Contrassegno come non spam/trascinamento dalla cartella spam alla posta in arrivo
  • Trascinamento di un messaggio nella Posta in arrivo principale
  • Protagonista/Marcatura come importante

Questi sono esempi di interazioni negative che un utente può avere con i tuoi messaggi:

  • Contrassegno come posta indesiderata
  • Non leggere o eliminare senza leggere
  • Contrassegno come phishing

Gli utenti che contrassegnano un messaggio come spam, o i reclami per spam, sono un segnale molto negativo che ha un impatto diretto sulla reputazione del vostro dominio. È buona norma mantenere il tasso di spam di Google al di sotto dello 0,1%. Tutto ciò che supera questo valore è considerato potenziale spam e tutto ciò che supera lo 0,3% sarà immediatamente filtrato come spam. Si consiglia di impostare Google Postmaster Tools per avere visibilità sul tasso di spam.

Oltre a questo, Gmail ha centinaia di sensori che determinano la reputazione del dominio. Tutto ciò che hai inviato a Gmail verrà analizzato e contribuirà alla tua reputazione di invio . 

È importante mantenere un elenco pulito di contatti coinvolti che si aprono al tasso più alto e hanno interazioni positive con le tue email. Questo è noto come "igiene della lista".

La cosa peggiore che puoi fare per la tua reputazione di mittente in Gmail è inviare posta a liste di contatti che non aprono i tuoi messaggi. Se si invia regolarmente a vecchi elenchi di utenti non impegnati in Gmail — anche se questi utenti hanno optato per l'opt-in e sono stati impegnati ad un certo punto — la reputazione del dominio crollerà. Gmail considererà la posta indesiderata e la sdraierà in spam.

Se un contatto non apre i tuoi messaggi, dovresti inviarli meno spesso e "confermare che gli utenti vogliano rimanere iscritti", come dice Gmail. Dopo un certo periodo di tempo, non dovresti inviare loro affatto o, come dice Gmail, "Prendi in considerazione l'annullamento dell'iscrizione agli utenti che non leggono i tuoi messaggi".

Questo lasso di tempo "tramontante" dipende dalla tua attività, ma in genere ti consigliamo di smettere di inviare email a chiunque non abbia aperto in 12 mesi. Idealmente, si dovrebbe usare un periodo di tramonto più breve. Alcuni marchi possono anche scegliere di al tramonto iscritti dopo un solo 30-60 giorni di non apertura. Questa tattica di solito produce una consegna spettacolare a Gmail.

Risorse su come mantenere un elenco impegnato

Ore di successo: coinvolgimento via email e recapito

Perché il coinvolgimento email è il Santo Graal dell'email deliverability

Consegna personalizzata

Gmail utilizza il coinvolgimento per determinare il posizionamento della posta in arrivo per ogni destinatario. Ad esempio, la tua email potrebbe andare nella posta in arrivo di un destinatario e inviare spam a un altro. Questo si basa su ogni destinatario univoco’s preferenze di ciò che in genere leggono e don’t leggere.

È importante ricordare se qualcuno ti contatta e dice di aver ricevuto messaggi di spam su Gmail. È possibile che sia successo solo a loro. Un buon modo per testare questo è quello di aprire un nuovo account Gmail e inviare un messaggio lì. Se lo vedi nella posta in arrivo, sei in buona forma. Se quel test va allo spam, probabilmente hai un vero problema.

Ti consigliamo inoltre di configurare Google Postmaster Tools. In questo modo otterrai un aggregato oggettivo della tua reputazione di mittente su Gmail e non sarai influenzato da ciò che accade con un particolare destinatario. Inoltre, vi darà visibilità sul vostro tasso di spam, in modo che possiate tenere sotto controllo questa metrica.

Autenticazione

L'autenticazione DKIM e DMARC è richiesta a partire da febbraio 2024, a seguito delle imminenti modifiche apportate da Gmail e Yahoo ai requisiti di autenticazione. ActiveCampaign consiglia vivamente a tutti i mittenti di configurare DKIM e DMARC. Scopri come configurare l'autenticazione DKIM e DMARC.

Per ulteriori informazioni su queste modifiche, consulta il nostro post sul blog Guida alle modifiche all'autenticazione di Google e Yahoo nel 2024.

Non solo l'autenticazione DKIM è vitale per Gmail, ma rimuoverà anche l'header "via" che potresti vedere in Gmail:

via_header_example.png

Leggi l'articolo della guida "Come faccio a rimuovere l'articolo della guida 'Inviato per conto dell'header'" per ulteriori informazioni su questo argomento.

Gmail richiede inoltre la configurazione di un record DMARC di base. Il DMARC deve essere impostato autonomamente. DMARC è qualcosa che devi configurare da solo e puoi seguire il nostro articolo di aiuto "Autenticazione SPF, DKIM e DMARC" per imparare come configurarlo. Assicurati di avere il tuo DKIM in atto prima di implementare DMARC. Se il DMARC è già attivo, non è necessario modificarlo.

Domini

La reputazione del dominio è molto importante in Gmail. Per consolidare ulteriormente la reputazione del tuo dominio con Gmail, puoi configurare un dominio personalizzato e un dominio server di posta personalizzato se il tuo piano attuale lo consente. Ciò garantirà che il tuo dominio venga utilizzato in tutti i tuoi messaggi anziché nei domini condivisi di ActiveCampaign.

Aumentare il volume di invio a un ritmo lento

Quando inizi con ActiveCampaign, devi riscaldare il tuo IP a un ritmo lento. Gmail considera l'invio di picchi senza un riscaldamento adeguato come spam. Quando Gmail rileva un comportamento spam, limiterà i tuoi messaggi e la reputazione del mittente ne risentirà. I nostri indirizzi IP condivisi sono molto caldi, ma devi comunque facilitare l'invio con loro se sei un mittente ad alto volume. Questo aiuterà a riscaldare la reputazione del dominio su questi IP.

Inviare la posta a un tasso costante. Evitare di inviare posta a raffica.

È importante evitare picchi drastici nell'invio. Ad esempio, supponiamo che tu abbia un grande elenco di newsletter mensili. Invece di inviare all'intero elenco tutto in una volta ogni mese, dovresti suddividere l'elenco in segmenti più piccoli e inviare l'email per diversi giorni a ciascun segmento. Tutto ciò che si può fare per mantenere il volume di invio più costante e meno "picchi" è meglio.

Come regola generale, questo "picco" nel volume di invio è particolarmente pericoloso se si tratta di almeno un salto di 50.000. Se si passa da 10.000 a 20.000 invii in una giornata intensa, potrebbe andare bene. Ma se in genere si invia 25.000 e si prevede di inviare 100.000 in una giornata intensa, questo è qualcosa che si dovrebbe evitare.

Scopri come riscaldarti utilizzando gli IP ActiveCampaign condivisi.

Scopri come riscaldare un IP dedicato.

Cosa evitare

  • Non inviare messaggi
    di phishing di esempio Dovresti anche evitare di non corrispondere a nessun URL nei tuoi messaggi. Gli URL non corrispondenti possono rendere le email simili a un tentativo di phishing. Ad esempio, se nel messaggio è presente un URL semplice che pretende di indirizzare a mysite.com, dovrebbe essere collegato a https://mysite.com, non da qualche altra parte.
  • Assicurati che gli utenti eseguano l'opt-in per ricevere posta da te
    Ciò significa che non dovresti inviare messaggi a un utente su un marchio a cui non ha esplicitamente aderito. Ciò significa anche che tutte le forme di acquisto di elenchi, aggiunta di elenchi, scraping di elenchi e trading / intermediazione di elenchi dovrebbero essere evitati, poiché sono sicuri di migliorare la tua deliverability su Gmail
  • Evita i moduli di opt-in che sono controllati per impostazione predefinita e che sottoscrivono automaticamente gli utenti
    Dovresti ottenere l'opt-in dai tuoi moduli di iscrizione. Non dovresti preselezionare la casella di opt-in o includere caratteri piccoli sull'invio di messaggi di marketing. Dovresti inviare messaggi ai contatti solo se hanno espressamente optato per il marchio per cui stai inviando.
  • Fai attenzione con l'affiliate marketing Gmail è molto diffidente nei confronti dell'affiliate marketing poiché gli spammer spesso sfruttano i programmi di affiliate marketing
    . Se il tuo marchio è associato allo spam di marketing, anche le altre tue email potrebbero essere contrassegnate come spam. Qualsiasi link di affiliazione che utilizzi deve essere incorporato nel contesto di un marchio reale e prezioso e di contenuti coinvolgenti. Se stai facendo saltare le offerte semplicemente per ottenere clic sui link di affiliazione, la tua consegna diminuirà rapidamente su Gmail.
  • Assicurati che il tuo dominio non sia elencato come "Non sicuro" con Navigazione sicura di Google

E la scheda Promozioni di Gmail?

La scheda Promozioni di Gmail è la casella di posta in arrivo. Gli studi dimostrano che la scheda delle promozioni non ha alcun effetto negativo sui tassi di apertura e sul coinvolgimento con i tuoi messaggi.

I messaggi nella scheda Promozioni vengono letti a un tasso normale e integro. Alcuni settori vedono anche tassi di conversione più elevati con i messaggi nella scheda Promozioni perché è un modo utile per gli utenti finali di classificare i messaggi di marketing. È importante sottolineare che non esiste una scorciatoia o un modo per indurre Gmail a evitare la scheda Promozioni anche se lo si desidera.

Leggi l'articolo della guida "Hype e verità sulle schede gmail" per ulteriori informazioni su questo argomento.

Altri suggerimenti per una buona consegna con Gmail

Ecco alcuni altri suggerimenti che possono contribuire a garantire una buona consegna con Gmail:

  • Utilizzare Postmaster Tools per monitorare la reputazione del dominio
  • Conferma l'indirizzo email di ciascun destinatario prima di iscriverlo alla tua lista
    Questo può essere fatto con un modulo di doppio opt-in. Se possibile, ti consigliamo anche di utilizzare un captcha per impedire ai bot di compilare i moduli.
  • Assicurati che i tuoi link per annullare l'iscrizione siano prominenti e facili da trovare
    È meglio avere contatti che annullano l'iscrizione alle tue email piuttosto che farli contrassegnare le email come spam o diventare iscritti zombie che non aprono mai e degradano la reputazione del mittente.
  • Usa un indirizzo email "Da" coerente il più possibile
    e chiedi agli utenti di aggiungerlo al loro elenco di contatti. Gmail dice, “ I messaggi con un indirizzo da nell'elenco dei contatti dei destinatari hanno meno probabilità di essere contrassegnati come spam.”

Requisiti tecnici

ActiveCampaign ha i requisiti tecnici impostati che le linee guida per il mittente in blocco menzionano:

  • TLS è abilitato su tutti i messaggi in uscita
  • Il DNS inverso è impostato per tutti gli indirizzi IP ActiveCampaign
  • Header di annullamento dell'iscrizione all'elenco con un clic
  • È inclusa automaticamente un header message-id valida (RFC 5322)
  • I messaggi vengono formattati in base allo standard di formato Internet (RFC 5322)
  • Manteniamo informazioni OMS accurate per i nostri domini di posta condivisi
  • ActiveCampaign "Fornire un indirizzo email per i destinatari del messaggio per segnalare l'abuso delle email". L'indirizzo email, abuse@activecampaign.com, sarà negli header di tutti i messaggi.
  • Il team di deliverability di ActiveCampaign "Monitora la reputazione degli indirizzi IP condivisi" per assicurarti di non essere in nessuna lista di blocco

Avvertenze sul phishing

Quando invii a Gmail, potresti imbatterti in un avviso come questo:

Be_careful_with_this_message_example.png

Ciò si verifica se il dominio negli indirizzi email "A" e "Da" è lo stesso, ma l'indirizzo email "Rispondi a" utilizza un dominio diverso. Scopri come risolvere questo avviso di phishing.

Avvisi sullo spam

Potresti anche visualizzare avvisi come questo in Gmail:

why_is_this_message_in_spam_example.png

Se vedi un avviso come questo, non significa che ci sia un problema tecnico. Ciò significa che il tuo dominio o i tuoi contenuti hanno acquisito una reputazione negativa su Gmail. Ti consigliamo di registrarti a Google Postmaster Tools per ottenere maggiori informazioni. Quindi esamina le varie best practice che descriviamo in questa guida per cercare di migliorare la tua reputazione di invio.

Se il tuo dominio ha acquisito una reputazione di invio negativa, non scambiarla per un nuovo dominio. I sistemi sofisticati di Gmail possono facilmente identificare questo tipo di attività. Ciò comporterà solo un peggioramento del problema sia per il nuovo che per il vecchio dominio.

Evitare di concentrarsi sui problemi tecnici

Si è tentati di spendere un sacco di tempo a caccia di problemi tecnici quando si ritiene di avere un problema di consegna a Gmail. A volte può esserci un problema tecnico, ma è raro. Il più delle volte, un problema di consegna in Gmail è dovuto alla violazione delle best practice. Spesso l'elenco contiene contatti non impegnati, vecchi, non correttamente attivati o il contenuto non è quello che le persone si sono iscritte per ricevere. Se hai problemi con Gmail, è meglio concentrarsi sull'igiene degli elenchi e sulle migliori pratiche di coinvolgimento, piuttosto che sui tecnicismi. Abbiamo scoperto che se hai un elenco di contatti buono, pulito e impegnato, non avrai problemi di consegna su Gmail.

Contattare Gmail per assistenza

Gmail ha un modulo che puoi utilizzare per contattarli. Questo modulo è destinato a problemi tecnici acuti; non aiuterà se avete problemi con i messaggi che vanno a spam. Se i tuoi messaggi sono destinati a spam, segui i suggerimenti riportati sopra per migliorare il coinvolgimento del tuo elenco in modo da poter correggere la reputazione del mittente su Gmail.

Risorse aggiuntive

Vorremmo accreditare:

Gran parte di quello che abbiamo detto qui deriva dalla loro intuizione. Queste risorse ti aiutano a scoprire di più sulle sfumature del recapito di Gmail e della deliverability in generale.

Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 6 su 8